FNA Fondo non autosufficienza

FONDO NON AUTOSUFFICIENZA - DGR 2720/2020 e 2862/2020
Avviso pubblico per il finanziamento di progetti a sostegno di disabili gravi e anziani non autosufficienti

Cos'è

Il presente Avviso intende finanziare progetti a sostegno di persone che evidenzino limitazioni della capacità funzionale tali da compromettere significativamente la loro autosufficienza e autonomia personale nelle attività della vita quotidiana, di relazione e sociali.
In particolare, in attuazione del “Piano Attuativo Regionale FNA 2019”, le risorse disponibili saranno finalizzate ad interventi di sostegno e supporto alla persona e alla sua famiglia, per garantire la possibilità di permanenza della persona fragile al proprio domicilio e nel suo contesto di vita.

Si intende assegnare buoni sociali finalizzati a compensare:

  • prestazioni di assistenza assicurate da un familiare o da assistente personale impiegato con regolare contratto;
  • interventi per consentire la vita indipendente di persone con disabilità fisico-motoria grave o gravissima, con capacità di esprimere la propria volontà, di età compresa tra 18 e 64 anni avvalendosi del supporto di un assistente personale, autonomamente scelto e con regolare contratto

 Il contributo mensile verrà modulato in base alla valutazione dell’assistente sociale del Comune di residenza, tenuto conto:

  • del livello di autosufficienza;
  • del carico di cura e delle ore di assistenza effettivamente prestate, anche in considerazione della frequenza di Unità d’Offerta semiresidenziale sociosanitaria o sociale;
  • dell’eventuale godimento di interventi o sostegni integrativi di carattere assistenziale erogati da Enti pubblici o privati o da Enti previdenziali.

Potranno essere finanziati soltanto interventi attuati nel periodo compreso tra la data di presentazione della domanda di contributo e il 30/4/2021.

Salvo che il progetto di assistenza proponga diversamente in base a motivate ragioni ostative, il contributo sarà riconosciuto:

  • a partire dal mese in corso al momento della presentazione dell’istanza, laddove essa sia proposta entro il giorno 20;
  • dal mese successivo alla domanda, nel caso in cui essa sia proposta dopo il giorno 20.

 

Chi ne ha diritto

Sono destinatari della presente Misura le persone in possesso di tutti i seguenti requisiti:

  • residenti dell’Ambito Territoriale di Como (Como, Albese con Cassano, Bellagio, Brunate, Cernobbio, Lezzeno, Lipomo, Maslianico, Montano Lucino, Montorfano, San Fermo della Battaglia, Tavernerio, Brienno, Carate Urio, Laglio, Moltrasio, Blevio, Faggeto Lario, Nesso, Pognana Lario, Torno, Veleso, Zelbio)
  • assistite al domicilio in maniera continuativa
  • in possesso di certificazione di invalidità civile al 100% e in condizione di gravità attestata
    Per i maggiorenni: da accertamento ai sensi dell’art. 3, comma 3 L. 104/1992 o testimoniata dalla presenza dell’indennità d’accompagnamento, ai sensi dell’Allegato 3 DPCM 159/2013, sono assimilabili agli invalidi civili con indennità d’accompagnamento gli invalidi per lavoro con assegno INAIL per l’assistenza personale e continuativa ex DPR 1124/65, art. 66 o con menomazioni dell’integrità psicofisica di cui alla L. 296/2006, art, 1, co. 782, punto 4)
    Per i minorenni: dal riconoscimento di handicap ex art. 3, comma 3, L. 104/92 o dal riconoscimento di assegno di accompagnamento
  • con gravi limitazioni della capacità funzionale (attestate da valutazione sociale della scala ADL non inferiore a 2 pt. su 6) tali da compromettere significativamente la loro autosufficienza e autonomia personale nelle attività della vita quotidiana, di relazione e sociale
  • con ISEE socio-sanitario uguale o inferiore a € 20.000,00 in caso di adulti o con ISEE ordinario uguale o inferiore a € 40.000,00 in caso di minori.

I contributi di cui al presente bando sono incompatibili con:

  • accoglienza definitiva presso Unità di offerta residenziali socio sanitarie o sociali (es. RSA, RSD, CSS, Hospice, Misura Residenzialità per minori con gravissima disabilità);
  • Misura B1;
  • Contributo da risorse progetti di Vita Indipendente – PRO.VI – per onere assistente personale assunto;
  • Ricovero di sollievo nel caso in cui il ricovero sia a totale carico del Fondo Sanitario Regionale;
  • Ricovero in riabilitazione/Sub acute/Cure intermedie/Post acuta;
  • Presa in carico con sperimentazioni riabilitazione minori disabili in regime diurno (minore o uguale a 18 ore settimanali);
  • Presa in carico con Misura RSA Aperta ex DGR n.7769/2018;
  • Bonus per Assistente Familiare iscritto nel Registro di assistenza familiare ex l.r. n. 15/2015.
    Il Bonus per assistente familiare può essere erogato a persona valutata ammissibile alla Misura B2 ma non presa in carico con la stessa.

I requisiti di cui sopra dovranno essere posseduti al momento della presentazione della domanda di contributo ai Servizi Sociali del Comune di residenza.

 

Come farne richiesta

I possessori dei necessari requisiti di accesso al contributo possono farne richiesta ai Servizi Sociali del proprio comune di residenza compilando l’Allegato 1 e presentando la seguente documentazione:

  • copia della carta d’identità del richiedente e della persona per cui viene richiesto il contributo (se diverso dal richiedente);
  • eventuale copia del decreto di nomina a curatore, tutore od amministratore di sostegno del beneficiario;
  • valutazione medica redatta sulla base dell’Allegato 4
  • copia del verbale di riconoscimento dell’invalidità civile da cui sia possibile evincere anche la diagnosi medica e della certificazione di disabilità grave o altra equiparabile;
  • certificazione ISEE in corso di validità (per adulti disabili e anziani sono richiesti ISEE sociosanitario e ordinario, mentre per i nuclei familiari con minori disabili è richiesto il solo ISEE ordinario)

In caso di buono sociale riferito alle cure di un assistente familiare, la richiesta dovrà inoltre essere corredata da:
- autodichiarazione dell’assistente familiare redatta sulla base del fac-simile allegato (Allegato 2 e Allegato 3);
- copia carta d’identità dell’assistente familiare.

In caso di buono sociale riferito alle cure di un assistente personale o a interventi per la vita indipendente, alla richiesta dovranno essere altresì allegati:
- copia del contratto di assunzione dell’assistente personale attestante il monte ore lavorativo settimanale;
- copia dell’ultima busta paga.

All’atto della domanda è onere del richiedente presentare tutti i documenti richiesti debitamente compilati e sottoscritti.

Qualora pervengano domande incomplete, parzialmente compilate e prive della necessaria documentazione, potranno essere richieste le necessarie integrazioni.
La domanda non sarà valutata fino a quando non sarà completa.


La domanda deve essere compilata online accedendo al Portale dei Servizi Online.

In alternativa può essere presentata via mail all'indirizzo: puntounico@comune.como.it

In caso di impossibilità di uso di strumenti informatici, il richiedente può contattare telefonicamente il n. 800.177.716 attivo nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 11.00, per l’eventuale compilazione assistita dell’istanza con registrazione della telefonata.

 

Presenta la domanda

 

Quando

Le domande di cui al presente avviso potranno essere presentate ai Servizi Sociali del Comune di residenza dal 12 maggio 2020 fino al 31 dicembre 2020.
In caso di esaurimento anticipato delle risorse disponibili, l’Azienda Sociale Comasca e Lariana si riserva la facoltà di anticipare il termine ultimo per la presentazione delle domande, dandoneidonea comunicazione pubblica.

 

Informazioni

Per informazioni si può contattare telefonicamente il n. 800.177.716 attivo nei giorni di: lunedì, mercoledì e venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 11.00.

 

Allegati

Avviso

Icona formato DOCAll. 1 modulo richiesta contributo

Icona formato DOCAll. 2 autocertificazione assistente familiare

Icona formato DOCAll. 3 autocertificazione assistente familiare secondaria

Icona formato DOCAll.4 scheda medica

Icona formato DOCAll.8 delega all’incasso

Ultimo aggiornamento: 23 October 2020

Pagine collegate

Chiedilo all'URP