Amministrazione Trasparente

La trasparenza, inizialmente solo enunciata quale principio informatore dell'azione amministrativa (Legge 15/2005 di modifica della L. 241/1990, recante norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso agli atti), con la L. 190/ 2012 ed il Decreto Legislativo attuativo 14 marzo 2013, n. 33, viene definita nei contenuti, negli scopi e nelle modalità di attuazione.

La trasparenza è intesa come accessibilità totale dei dati e documenti detenuti dalle Pubbliche Amministrazioni allo scopo di tutelare i diritti dei cittadini, promuovere la partecipazione degli interessati all'attività amministrativa e favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e l'utilizzo delle risorse pubbliche.

E' considerata dal Legislatore come strumento di partecipazione democratica, di esercizio dei diritti civili, politici e sociali e, come tale, concorre al buon andamento dell'azione amministrativa, ossia alla buona gestione della cosa pubblica, sulla base di un rapporto tra Pubblico e Privato che si sta consolidando gradualmente a tutto favore dei cittadini, ma anche della stessa Amministrazione, sempre più stimolata a meglio fare per rispondere alle richieste sociali ed individuali.

Al fine di facilitare la consultazione da parte dei cittadini, i documenti, i dati e le informazioni oggetto di trasparenza secondo il decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, devono essere  rappresentati all'interno della Sezione Amministrazione Trasparente del Sito web secondo uno schema indicato nel decreto stesso e comune a tutte le Pubbliche Amministrazioni.

In questa pagina viene riportato il sommario con le voci principali, mentre nel menù di sinistra è possibile scorrere il sommario completo.

Recentemente, con il D. Lgs. 97/2016, emanato in attuazione della Legge Delega n. 124/2015 (cd. Riforma Madia), anche con lo scopo di adeguare la legislazione nazionale a standards internazionali, sono state introdotte norme di revisione degli obblighi di Trasparenza, senza tuttavia alterarne i contenuti e lo schema originari; innovativa è, invece, la previsione di una nuova forma di accesso generalizzato che, nei sistemi anglosassoni è definita Freedom of Information Act (FOIA).

Al fine di supportare gli Enti obbligati nella necessaria attività di adeguamento, l'Anac, lo scorso 28 dicembre 2016 ha adottato prime Linee Guida (Deliberazioni nn. 1309 e 1310/2016) mentre altre sono in corso di definizione.

I dati personali pubblicati sono riutilizzabili solo alle condizioni previste dalla normativa vigente sul riuso dei dati pubblici (direttiva comunitaria 2003/98/CE e D.Lgs. 36/2006 di recepimento della stessa), in termini compatibili con gli scopi per i quali sono stati raccolti e registrati, e nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali.

Ultimo aggiornamento: Fri Jul 28 10:46:58 CEST 2017

Pagine collegate

Chiedilo all'URP