Bando a sostegno degli inquilini morosi incolpevoli per emergenza sanitaria da Covid19

Cos'è

Il Bando morosità incolpevole Covid-19 è una misura a sostegno del mantenimento dell’alloggio in locazione per gli inquilini inquilini titolari di contratti sul libero mercato, che si trovano in condizioni di fragilità economica e di morosità incolpevole rispetto al pagamento dell’affitto a seguito dell’emergenza sanitaria in atto “Covid-19”.

I contributi sono destinati ai nuclei familiari in locazione sul libero mercato o in alloggi in godimento o in alloggi definiti Servizi Abitativi Sociali (SAS) ai sensi della L.R. 16/2016 art. 1 comma 6.
Sono esclusi i nuclei residenti in Alloggi rientranti nei Servizi Abitativi Pubblici (SAP).

Il contributo è compatibile con il reddito o la pensione di cittadinanza.
 

Chi può partecipare

Sono destinatari del presente avviso esclusivamente i nuclei familiari e i richiedenti in possesso dei seguenti requisiti:

  • residenza nel Comune di Como;
  • titolarità di un contratto di locazione di unità immobiliare ad uso abitativo regolarmente registrato (sono esclusi gli immobili appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9) e risiedere nell’alloggio oggetto dell’istanza di sostegno da almeno un anno alla data di presentazione della
    domanda;
  • cittadinanza italiana, di un paese dell’UE, ovvero, nei casi di cittadini non appartenenti all’UE, possedere un regolare titolo di soggiorno, valido al momento della presentazione della domanda;
  • nessuna titolarità (né il richiedente né alcun componente del nucleo familiare) di diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione nella provincia di residenza di altro immobile fruibile ed adeguato alle esigenze del proprio nucleo familiare;
  • possesso di una Attestazione ISE non superiore a € 35.000,00.= ovvero Attestazione ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) uguale o inferiore a € 26.000,00 in corso di validità al momento della presentazione della domanda.
    N.B. Coloro che non dovessero essere in possesso di attestazione ISEE rilasciata nel corso del corrente anno 2020 possono aderire al bando presentando la dichiarazione rilasciata nel corso dell’annualità 2019. Nel caso in cui il richiedente non sia in possesso né di ISEE 2019 né di ISEE
    2020 la fase di istruttoria è sospesa fino alla presentazione dell’ISEE 2020 da parte del richiedente che potrà presentarla entro il termine di 60 giorni dalla data di presentazione della domanda;
  • situazione di morosità incolpevole (mancato pagamento dei canoni di locazione) determinata da una consistente riduzione di reddito nel periodo compreso tra il mese di marzo e il mese di maggio 2020;
  • assenza di procedure di rilascio (sfratto) dell’abitazione oggetto del contributo;
  • morosità incolpevole in fase iniziale, definita entro il limite temporale della durata dell’emergenza sanitaria da marzo a luglio 2020;
  • presenza di condizione di morosità legata all’emergenza sanitaria da Covid 19, da accertare a cura del Comune di Como, riconducibile a titolo esemplificativo, ma non esaustivo:

-perdita del posto di lavoro;
-consistente riduzione dell’orario di lavoro;
-mancato rinnovo dei contratti a termine;
-cessazione di attività libero-professionali;
-malattia grave connessa all’emergenza sanitaria;
-decesso di un componente del nucleo familiare.

  • criterio preferenziale è la presenza all’interno del nucleo familiare di almeno un componente che sia: ultrasettantenne, ovvero minore, ovvero con invalidità accertata per almeno il 74%, ovvero in carico ai Servizi Sociali o alle competenti aziende sanitarie locali per l’attuazione di un progetto assistenziale individuale.

 

Entità del contributo e modalità di erogazione

Al richiedente e al suo nucleo familiare di riferimento, in possesso dei requisiti sopra elencati, la cui domanda viene valutata idonea ed ammissibile, potrà essere concesso un contributo massimo pari alla somma della mensilità di canone dovute ma non versate, comunque non superiore ai 1.500,00 €.
L’entità esatta del contributo è stabilita sulla base della documentazione presentata e della dichiarazione del proprietario dell’alloggio.
Il contributo nella misura delle mensilità di canone di locazione non versate e comunque non superiore a € 1.500,00.=, in base alle esigenze e allo stato dei pagamenti, è erogato direttamente al proprietario a copertura dei canoni non versati nel corso dell’arco temporale interessato dall’emergenza Covid 19. Quest’ultimo si impegnerà nel comunicare i riferimenti bancari da utilizzare per il pagamento tramite bonifico bancario.
Il proprietario, al fine dell’erogazione del contributo in oggetto, si impegnerà a non avviare procedure di rilascio dell’alloggio o risoluzione del contratto per almeno i sei mesi successivi alla data dell’ultimo canone coperto dal contributo.

 

Come si fa

Può presentare domanda di contributo il titolare del contratto o altro componente il nucleo familiare, maggiorenne, a ciò delegato e residente nell’unità immobiliare locata.
Per l’incapace o per la persona comunque soggetta ad amministrazione di sostegno, la domanda può essere presentata dal legale rappresentante o persona abilitata ai sensi di legge.

I residenti nel Comune di Como possono presentare domanda:

a partire dal 15 luglio 2020 e entro il termine perentorio del 13 agosto 2020 alle ore 13.00

esclusivamente con una delle seguenti modalità:

  1. direttamente al Servizio Protocollo Generale del Comune di Como in Via Vittorio Emanuele II, 97 negli orari di apertura al pubblico;
  2. a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento all’indirizzo: COMUNE DI COMO – Settore Servizi Sociali - Via Vittorio Emanuele II, 97 - 22100 Como (farà fede la data dell’Ufficio postale accettante, sempre che sia recapitata al Comune di Como entro cinque giorni dal termine perentorio per la presentazione della domanda) – la busta dovrà riportare l’indicazione FONDO AFFITTO COVID – 19;
  3. tramite posta elettronica certificata all’indirizzo comune.como@comune.pec.como.it trasmettendo la domanda e la relativa documentazione in un unico file, con una delle seguenti modalità:
    - l’oggetto della pec dovrà riportare la dicitura FONDO AFFITTO COVID – 19
    - domanda e relativa documentazione scansionata, sottoscritta con firma autografa allegando copia
    della carta d’identità (in formato “pdf”);
    - domanda e relativa documentazione sottoscritta con firma digitale (in formato “pdf.p7m”);
    - da propria casella di posta elettronica certificata, ai sensi di quanto previsto dall’art. 65, comma 1, lettera c-bis) del D.Lgs. n. 82/2005 (in formato “pdf”).

Non saranno prese in considerazione domande pervenute in altre modalità.

Per informazioni e supporto è attivo esclusivamente il numero: 348.9106211 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 13.00 dal 15 luglio 2020 al 12 agosto 2020.

 


 

Avviso

Modello domanda

Modello domanda

Dichiarazione proprietario

Dichiarazione proprietario

Ultimo aggiornamento: 14 July 2020

Pagine collegate

Chiedilo all'URP