Contributi “una tantum” a sostegno del pagamento delle utenze domestiche per gli effetti derivanti dall’emergenza sanitaria Covid-19

Cos'è

Si tratta di un sussidio economico una tantum per i costi relativi ai consumi di energia elettrica e gas, a sostegno di persone e nuclei familiari residenti in città in condizioni di fragilità a seguito dell’emergenza sanitaria da Covid-19, che si trovino in difficoltà nel sostenere il pagamento delle spese relative ai consumi delle utenze domestiche riferite alla propria abitazione di residenza sita nel territorio comunale.

Chi ne ha diritto

Possono richiederli coloro che sono in possesso dei seguenti requisiti, alla data della presentazione dell’istanza:

  • Residenza nel Comune di Como;
  • Cittadinanza italiana, di un paese dell’UE, ovvero, nei casi di cittadini non appartenenti all’UE, possedere un regolare titolo di soggiorno o ricevuta di rinnovo o ricevuta di appuntamento di rinnovo;
  • Presenza di condizione di difficoltà economica per riduzione del reddito conseguente all’emergenza sanitaria da Covid 19, riconducibile a titolo esemplificativo, ma non esaustivo a:
    a) perdita del posto di lavoro;
    b) consistente riduzione dell’orario di lavoro;
    c) mancato rinnovo dei contratti a termine;
    d) cessazione di attività libero-professionali;
    e) malattia grave connessa all’emergenza sanitaria;
    f) decesso di un componente del nucleo familiare;
    g) impossibilità a trovare lavoro durante l’emergenza Covid;
    h) altro
  • Essere in possesso di Attestazione ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) uguale o inferiore a  €. 10.000,00 (euro diecimila/00), in corso di validità al momento della presentazione della domanda;
    N.B. Coloro che non dovessero essere in possesso di attestazione ISEE in corso di validità dovranno chiederne il rilascio entro 60 giorni sul sito dell’INPS o presso i Centri di Assistenza Fiscale abilitati. La fase di istruttoria dell’istanza è così sospesa fino al rilascio dell’ISEE 2020 o dell’ ISEE 2021. Decorso il termine dilatorio di n. 60 giorni, l’unità operativa incaricata del procedimento procederà d’ufficio all’acquisizione dell’Attestazione ISEE nella banca dati  dell’l’INPS, rigettando le domande per le quali non dovesse essere presente un’Attestazione Isee regolare e in corso di validità.
  • Assenza di proprietà (anche parziale) di beni immobili (terreni, fabbricati, fabbricati rurali) diversi dall’abitazione principale, per ognuno dei componenti il nucleo anagrafico;
  • Non essere in possesso, alla data di presentazione dell’istanza (né il richiedente né alcun componente del nucleo familiare) di un patrimonio mobiliare superiore a € 3.000,00 (euro tremila/00), indipendentemente dal numero dei componenti il nucleo familiare;
  • Essere un cliente domestico titolare di una utenza Energia Elettrica con un contratto di fornitura individuale (cliente diretto) o di una utenza Gas naturale con un contratto di fornitura individuale  o cliente domestico che utilizza l’impianto condominiale;
  • Essere stati ammessi al regime di compensazione per bollette di energia elettrica e gas previsto dal Decreto del ministro dello sviluppo economico del 28/12/2007 (Bonus Gas e Luce) per ISEE di importo uguale o inferiore a € 8. 256,00;
  • Assenza di morosità per mancato pagamento delle utenze energia elettrica/gas prima del mese di febbraio 2020;
  • Non aver percepito, nel corso del 2020, altri contributi economici comunali, erogati dal Settore Politiche Sociali ai sensi del “Regolamento per l’accesso e la fruizione delle prestazioni sociali e per il sistema di compartecipazione – ai sensi del D.P.C.M. 159/2013”, approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 18 del 13/03/2017.

Le presenti condizioni sono valutate con riferimento al nucleo familiare così come determinato dal D.P.C.M. n. 159 del 05/12/2013 e s.m.i. e devono essere oggettivamente documentate attraverso la produzione di dichiarazioni e documentazione che ne attestino la sussistenza, pena l’inammissibilità della domanda.

Le domande possono essere presentate da un solo componente per nucleo familiare.

Nei casi di oggettivo impedimento da parte del titolare del contratto l’istanza può essere presentata da uno dei componenti il nucleo familiare o suo rappresentante legale.

Entità del contributo

Il contributo sarà di € 300,00.= per i nuclei con assenza di minori e di € 500,00.= per i nuclei con presenza di minori.

Sono esclusi dal presente Avviso i nuclei residenti in Alloggi rientranti nei Servizi Abitativi Pubblici (SAP).

Il contributo è compatibile con il reddito di cittadinanza.

Come farne richiesta

Gli interessati potranno presentare domanda utilizzando esclusivamente il modulo per la domanda di assegnazione dal 10 dicembre 2020 fino a mercoledì 31 marzo 2021, esclusivamente:

  • a mezzo di Posta Elettronica Certificata all’indirizzo comune.como@comune.pec.como.it;
  • in formato cartaceo, recapitato a mezzo di Raccomandata o consegnato presso l’Ufficio Protocollo del Comune di Como, sede di Via Vittorio Emanuele II, 97, negli orari di apertura al pubblico.


Non saranno accettate domande pervenute in altra modalità o domande non interamente compilate e prive di firma olografa del richiedente.

 

Informazioni

Per info è possibile contattare telefonicamente i nn. 031.252630031.252646 attivi dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 12.30.

 

Allegati

Scarica l'avviso

Scarica la domanda di assegnazione (Allegato A)

 

Ultimo aggiornamento: 07 December 2020

Pagine collegate

Chiedilo all'URP