Aree dei dehors

Data:  22/10/20

Prorogata al 31 dicembre 2020 la possibilità di ampliamento temporaneo

Altro

La Giunta Comunale con delibera n. 260/2020 ha confermato anche a livello locale le decisioni che costituiscono la concretizzazione del sostegno alle imprese di cui al D.L. 34/2020, convertito in L. 77/2020 (cd decreto rilancio) e modificato da ultimo dalla L. 126/2020 di conversione del D.L. 104/2020 (cd decreto agosto) e, per l’effetto, ha deciso di concedere, su richiesta degli interessati, la proroga delle già emesse concessioni di ampliamento temporaneo di occupazione di suolo pubblico per le attività di somministrazione di cibi e bevande al servizio di chioschi e con dehors fino al 31/12/2020 e di mettere a disposizione , sempre su richiesta degli interessati, dall'1/11/2020 al 31/12/2020 ulteriori spazi pubblici ai sensi del nuovo disposto dell’art. 181 del D.L. 34/2020 alle condizioni già esplicitate nelle precedenti delibere n. 90 e 93 del 2020, richiamate espressamente anche in tal sede, e a quelle indicate nelle singole concessioni.

La proroga non è automatica ed è necessario presentare domanda prima della scadenza delle concessioni emesse ovvero prima del 31/10/2020.

Modalità di presentazione delle domande
Le domanda di proroga delle superfici già concesse devono essere presentata all’Amministrazione comunale esclusivamente attraverso il portale impresainungiorno.gov.it , in deroga alla normativa in materia di imposta di bollo (esenti).
La richiesta può essere inviata dal titolare dell’esercizio commerciale o suo delegato, richiamando unicamente la precedente concessione e dichiarando che non vi è stata alcuna modifica; non è pertanto necessario allegare planimetria.
Solo nel caso in cui si intendano chiedere concessioni di occupazioni di nuovi spazi e/o modifiche di quelli già oggetto di concessione è necessario presentare documentazione completa e relativa planimetria.

«L'amministrazione è vicina alle attività commerciali della città - spiega l'assessore al Commercio Marco Butti - e sta adottando diverse misure per contribuire, come attraverso il bando multimisura, a sostenere il sistema economico locale anche in questa nuova fase dell'emergenza sanitaria. Non nascondo una forte preoccupazione per la tenuta futura del tessuto economico, ed è per questo che lavoreremo ancora di più a contatto con le associazioni di categoria, in modo da mettere in campo tutte le risorse e le iniziative possibili».


Pagine collegate

Chiedilo all'URP