Rinnovo concessioni tombe di famiglia (celle, sepolcri,edicole)

Cos’è

Il concessionario, o un suo legittimo erede, può rinnovare la concessione scaduta di tombe di famiglia (celle, sepolcri, edicole) per ulteriori cinquanta anni, prima della scadenza della concessione o durante il periodo di intangibilità (50 anni dall'ultima tumulazione)


Come si fa

L'utente si può rivolgere direttamente all'Ufficio Cimiteri (tel. 031.252.487) con il contratto di concessione scaduto o in alternativa  può presentare domanda tramite compilazione dello "Schema richiesta rinnovo cella-sepolcro-edicola" e suoi allegati, in calce alla pagina.

L'Ufficio provvederà  alla verifica della documentazione presentata. Successivamente verrà redatto l'atto dirigenziale relativo, preliminare alla stipulazione del contratto di rinnovo.

La stipula del contratto di rinnovo verrà effettuato dall'Ufficio Contratti che ne curerà anche la sua registrazione. 

Il contratto di rinnovo vincola il concessionario alla cura della manutenzione sia ordinaria che straordinaria, della tomba di famiglia in modo che sia sempre in condizione di sicurezza (ad eccezione degli interventi di carattere strutturale), nonché di decoro compatibile con il luogo sacro, o all'esecuzione di interventi tecnici richiesti dal competente Settore Opere Pubbliche.

 

Documenti necessari

Contratto di concessione scaduto, ove disponibile; richiesta di rinnovo in bollo da € 16,00 come da schema e autocertificazione attestante la posizione di "erede legittimo", nel caso di persona diversa dal concessionario originario; copia della carta di identità e del codice fiscale.


Quanto costa

I costi previsti ai sensi della deliberazione di Giunta Comunale n. 43 dell'8.2.2018 sono:

  • Cella (coperta): varia da un minimo di € 19.097 ad un massimo di € 27.828 secondo il numero di posti salma.
  • Sepolcro (scoperto): € 17.460
  • Edicola: € 40.000

 

Quanto tempo occorre

Il contratto viene stipulato successivamente alla ricezione del pagamento della somma dovuta.

Ultimo aggiornamento: Fri Mar 09 08:43:30 CET 2018

Pagine collegate

Chiedilo all'URP