Controlli da parte del Comune - visite ispettive

Cos’è

I Comuni con popolazione superiore ai 40.000 abitanti devono effettuare periodicamente le verifiche (ai sensi della Legge 10/91, art 31) relative all’esercizio (funzionamento e gestione) ed alla manutenzione degli impianti termici civili ubicati sul proprio territorio.

L’ispezione sugli impianti termici si svolge con il controllo tecnico e dei documenti nel luogo dove si trova l’impianto: un esperto qualificato verifica il rispetto delle norme sul contenimento dei consumi energetici e lo stato di esercizio e manutenzione degli impianti di climatizzazione.

Durante il servizio di ispezione vengono verificati:

  • il corretto impiego dei combustibili negli impianti termici del settore civile, verificando il rispetto delle disposizioni regionali che limitano l’uso dei combustibili più inquinanti;
  • i sistemi per la termoregolazione degli ambienti e la contabilizzazione autonoma del calore, per verificare il rispetto delle disposizioni regionali in materia di uso razionale dell’energia.

 

Come funziona

Il Comune di Como sottopone ad ispezione annuale almeno il 5% degli impianti termici presenti sul proprio territorio.

Gli impianti da ispezionare sono sorteggiati secondo i criteri di priorità dettati dalla Regione Lombardia cioè:

  1. impianti per i quali non sia pervenuto il rapporto di controllo tecnico e che non sono ancora stati accatastati;
  2. impianti per i quali siano emersi elementi di criticità e di registrazione incompleta degli allegati;
  3. impianti con generatore di calore installato da oltre 15 anni;
  4. impianti alimentati da combustibile liquido e solido;
  5. tutti gli altri impianti.

Il giorno della verifica gli ispettori, che hanno l’obbligo di presentare la tessera di riconoscimento, accedono all’impianto per le verifiche tecniche e ai documenti per le verifiche amministrative.

 

Obblighi per il responsabile dell’impianto

Il Responsabile dell’impianto viene avvisato preventivamente della verifica a campione.

Il giorno della verifica il responsabile dell’impianto deve di consentire la verifica dell’impianto di fornire tutti i dati richiesti.

La verifica dell’impianto è da considerare un “pubblico servizio” e, come tale, non può essere impedita.

 

Sospensione della fornitura di gas

Se il responsabile dell’impianto rifiuta ripetutamente i controlli, si procederà alla sospensione della fornitura del gas (ai sensi del Dlgs 164/2000, art. 16 c.6.

L’interruzione della fornitura di gas potrà essere disposta anche nel caso in cui vengano rilevati elementi di criticità dell’impianto tali da costituire elemento di rischio per la sicurezza.

 

Nuova manifestazione di interesse per invito a procedura negoziata per il “Servizio di accertamento documentale degli impianti termici siti nel comune di Como e attivita’ correlate” tramite l’utilizzo della piattaforma Sintel

 

Si rende noto che il Comune di Como ha attivato una nuova procedura di manifestazione d’interesse per il “Servizio di accertamento documentale degli impianti termici siti nel comune di Como e attivita’ correlate”. I soggetti che soddisfano i requisiti richiesti possono manifestare il proprio interesse a partecipare alla successiva procedura di gara registrandosi e accedendo alla piattaforma SINTEL: il numero identificativo della procedura è 118781117. Il termine di trasmissione della manifestazione d’interesse è il giorno 10 dicembre 2019 ore 23:59.
La manifestazione d’interesse ha lo scopo esclusivamente esplorativo e non vincola in alcun modo né l’Amministrazione né gli operatori economici che manifestano l’interesse, non trattandosi di avviso di gara o procedura di gara.

 

Avviso per manifestazione di interesse

Capitolato speciale d'appalto

Ultimo aggiornamento: 04 December 2019

Pagine collegate

Chiedilo all'URP